A Firenze si celebra il nuovo Pignone e i bambini imparano la tecnologia del futuro

A Firenze si celebra il nuovo Pignone e i bambini imparano la tecnologia del futuro

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Imparare oggi per “illuminare” il futuro domani. Venerdì 28 e sabato 29 novembre alla Stazione Leopolda di Firenze si svolgerà la manifestazione “Immaginiamo il futuro. Da sempre”. L’evento celebrerà i 20 anni dall’acquisizione del Nuovo Pignone da parte di GE e i 60 dalla nascita del Nuovo Pignone.

L‘iniziativa nel capoluogo toscano vivrà diversi momenti di incontro e discussione incentrati sul tema dell’innovazione e coinvolgerà le istituzioni (all’inaugurazione sarà presente il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi), la cittadinanza di Firenze e della Toscana, gli industriali del territorio ma anche gli studenti di scuole elementari, medie, superiori e delle Università.

Dunque ampio spazio sarà dedicato ai giovani e anche ai bambini delle scuole elementari che potranno compiere i primi passi nell’affascinante mondo della scienza grazie a tante iniziative dedicate al gioco e all’apprendimento. I due giorni di workshops, corsi ed esperimenti, interesseranno anche le nuove tecnologie e la programmazione web dando vita a un grande laboratorio collettivo dove stimolare creatività, ingegno e inventiva.

Grazie al laboratorio “Spazio Maker” i futuri scienziati potranno fare pratica con il tema del costruire e del riparare utilizzando attrezzi, stampanti 3D, kit open source e schede Arduino. Giocare oggi per realizzare il domani.

Negli spazi della Leopolda, un vero e proprio cantiere creativo, si imparerà l’innovazione stimolando la creatività del bambino: mirano a questi obiettivi i “Workshops” che aiuteranno i giovani progettisti a costruire oggetti tecnologicamente avanzati mettendo in pratica la loro fantasia e le loro potenzialità ancora inespresse.

Non mancheranno i “Laboratori per le scuole” che andranno alla scoperta dell’Internet of Things per avvicinare i bambini alla scienza tramite l’esperienza diretta con l’utilizzo di inchiostri e kit “magici” per produrre un’unica grande opera luminosa e interagire con gli oggetti circostanti.

Il “Big Coder Dojo” sarà invece una prima palestra per i giovani futuri informatici. La base di questo laboratorio è sempre quella dell’imparare divertendosi e stimolando la curiosità: sarà così appassionante per il bambino iniziare a programmare con i linguaggi che strutturano la base di ogni sistema informatico e comprendere con metodologie innovative e orientate al gioco, nuovi modi di rapportarsi a strumenti tecnologici che influenzano oggi la nostra vita.

Ad esclusione dello “Spazio Maker” tutte le attività sono su prenotazione.

Per info: www.immaginiamoilfuturo.it

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento