4 metodi per sterilizzare biberon, tettarelle e succhietti

4 metodi per sterilizzare biberon, tettarelle e succhietti

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Sterilizzare bene biberon e tettarelle è importante, proprio perché sono elementi a rischio di contaminazioni e dove germi e bacilli vari possono annidarsi per poi trasmettersi ai piccoli. Quindi igenizzare sì ma nella giusta maniera per non danneggiare i materiali di cui sono fatti questi oggetti prima del tempo.

Il metodo classico di sterilizzazione è quello dell'acqua calda che consiste nel mettere tettarelle e succhiotti in una pentola piena di acqua da far poi bollire per una ventina di minuti. Una volta tolti dall'acqua, questi oggetti vanno fatti sgocciolare bene senza toccarli.

Poi ci sono gli sterilizzatori elettrici, quelli moderni in pochi minuti sterilizzano tutto. In commercio adesso si trovano anche a raggi UV.

Il metodo a freddo consiste invece nell'utilizzo di pastiglie disinfettanti apposite, che non sono, ovviamente, tossiche e che si sciolgono anche nell'acqua fredda senza rovinare biberon, succhiotti e tettarelle.

Per chi ha il microonde, può usare anche questo tipo di forno per sterilizzare. Basta avere il contenitore giusto in vetro e far partire il timer, in meno di 10 minuti si può otternere una sterilizzazione completa. E per eliminare piccoli residui alimentari che si sono depositati in fondo al biberon? Beh, per quello c'è lo scovolino!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 30/11/2016 09:48:42

    Buongiorno avrei bisogno di sapere dove sono reperibili anche on line le tettarelle come quelle nella foto (se hanno un'articolo chi le produce ecc.) il bambino è autistico e mangia solo con quel tipo di tettarella

     

    Grazie dell'aiuto

Lascia un commento