Con la nuova amniocentesi diagnosticate l'80% delle malattie genetiche

Con la nuova amniocentesi diagnosticate l'80% delle malattie genetiche

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

In questi giorni si è avuta una svolta importante nella diagnosi prenatale grazie a un gruppo di ricercatori italiani della Sidip (Italian college of fetal maternal medicine), che ha scoperto una nuova amniocentesi, più potente, con cui possono essere diagnosticate addirittura l'80% delle malattie genetiche.

Con questa scoperta, presentata la scorsa settimana a Roma, sarà possibile studiare i dettagli del Dna del feto. Nella sigla Ngpd (Next generation prenatal diagnosis) rientrano la villocentesi e l'amniocentesi genomica di ultima generazione attraverso le quali si possono identificare centinaia di patologie di cui il feto potrebbe essere affetto o portatore.

Finora le normali amniocentesi e villocentesi erano in grado di analizzare solo il numero dei 46 cromosomi, mentre oggi, con questa scoperta, è possibile studiarne l'intima struttura. Si possono così escludere, oltre alle anomalie cromosomiche più comuni, anche le più rare e gravissime patologie genetiche, dalle cardiopatie congenite, alle malattie cerebrali, ai nanismi, alle forme di autismo conosciute, ai ritardi mentali sindromici e alle altre malattie o malformazioni che si scoprono dopo la nascita.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento