Gli esercizi di Kegel: a cosa servono e l'app apposita

Gli esercizi di Kegel: a cosa servono e l'app apposita

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Gli esercizi di Kegel costituiscono un buon allenamento per i muscoli del pavimento pelvico. Si chiamano così perché ideati dal ginecologo statunitense Arnold Kegel.

Consistono in una serie di contrazioni dei muscoli del pavimento pelvico, allo scopo di rinforzarli al meglio e sono utili in particolare per le donne per rinforzare i muscoli collocati alla base della cavità pelvica - addominale, deputati a sostenere l’uretra, la vescica, l’intestino e l’utero. In particolare, sono molto utili contro l’incontinenza, in gravidanza, per preparasi al parto.

Troppo spesso ignorati sono invece un ottimo allenamento che assicura maggior elasticità, reattività e funzionalità dei muscoli finora citati. Funzionano se praticati con costanza e con la giusta tecnica. Si inizia a interrompere volontariamente il flusso di urina durante la minzione: quelli che si contraggono sono i muscoli del pavimento pelvico. Fatto questo, si passa a contrarre i muscoli del pavimento pelvico per circa cinque secondi, per poi rilassarli. Gli esercizi post parto andrebbero fatti almeno una volta al giorno. Presa confidenza con la tecnica, si possono progressivamente aumentare la frequenza e le ripetizioni, fino a tre sessioni giornaliere.

Per chi volesse cimentarsi in questi esercizi, c'è un'app, Kegel Trainer, che fornisce, nella versione completa, fino a 150 diverse sessioni di allenamento. È possibile selezionare audio e visivione come guida per gli esercizi. L'app è utile anche come promemoria per non dimenticare di farli.

Foto derivata da questa foto
Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento