Il fattore Rh in gravidanza e nei bambini

Il fattore Rh in gravidanza e nei bambini

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Prima di intraprendere una gravidanza o nei primi giorni di quest'ultima, il ginecologo consiglia, sia alla futura mamma che al papà, di sottoporsi all'esame per scoprire il fattore Rh. Basta un normalissimo esame del sangue, in questo modo i medici possono individuare possibili problemi tra il sangue della mamma e quello del feto, importantissimo, inoltre, se fossero necessarie delle trasfusioni di sangue.

Esistono quattro gruppi sanguigni: 0, A, B e AB e ognuno di essi può essere negativo o positivo, a seconda del fattore Rh che ogni individuo possiede. I bambini ereditano gruppo e fattore Rh dai genitori.

I neonati vengono sottoposti subito al prelievo di sangue per capire qual è il gruppo sanguigno e quale il fattore Rh. Il risultato viene scritto nel librettino che viene rilasciato al momento delle dimissioni dall'ospedale.

Il fattore Rh può risultare in maniera diversa a seconda del fattore Rh prevalente tra i genitori: se mamma e papà hanno Rh negativo allora il bambino potrà essere esclusivamente negativo, se entrambi hanno Rh positivo il piccolo ha maggiori probabilità di risultare positivo e scarse probabilità di risultare negativo. Se un genitore è positivo e uno è negativo, il bambino può essere con la stessa probabilità positivo o negativo.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 23/03/2017 16:50:04

    Ppl like you get all the brisan. I just get to say thanks for he answer.

Lascia un commento