Mali di stagione: infezioni da streptococco nei bambini

Mali di stagione: infezioni da streptococco nei bambini

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

In questo periodo molti bambini sono a letto con febbre e mal di gola, colpa dello streptococco, l’infezione di stagione colpisce i bambini da tre anni in su frequentanti in particolare asili e scuole, dove avviene solitamente il contagio.

Lo streptococco è, negli ultimi tempi, uno dei batteri più scomodi che puntualmente si ripresenta, anche perché si fa sempre più resistente all'antibiotico. In medicina è il rappresentante di una numerosa famiglia di batteri, dove il più importante è il Beta emolitico di gruppo A, responsabile di una delle patologie più frequenti in età pediatrica, cioè la faringo-tonsillite acuta. Tuttavi i pediatri avvertono che non tutte le faringiti sono causate da streptococco.

Oltre alla faringo-tonsillite, tra le altre infezioni più comuni che provoca questo batterio ci sono quelle delle prime vie aeree riguardanti rinofaringe, tonsille e adenoidi, gola e orecchi.

La trasmissione avviene per passaggio del batterio da un organismo all’altro attraverso l’aria. Sono le goccioline di saliva a provocare il contagio, in genere per uno starnuto, un colpo di tosse, ma anche una risata, oppure tramite oggetti come bicchieri o posate. Il periodo di incubazione è di 2-4 giorni. Il pericolo di contagio si ha quando il bambino è all’apice della sintomatologia e può essere contagioso fino a 21 giorni dalla comparsa se non curato con terapia antibiotica.

Per capire se è in atto un’infezione da streptococco si effettua un tampone. Oggi ci sono anche dei test rapidi che in pochi minuti sono in grado di identificare la presenza del batterio e che possono essere eseguiti direttamente dal pediatra. Il risultato è attendibile al 99%.

Per la cura, le Linee guida italiane, prevedono la prescrizione da parte del pediatra di base di una terapia antibiotica per 7 - 10 giorni. Abbiamo detto all'inizio che si tratta di un batterio scomodo, proprio perché l’infezione non lascia immunità permanente; è possibile che il bambino si ammali più di una volta.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento