Per una mensa più giusta e sostenibile: la campagna di ActionAid

Per una mensa più giusta e sostenibile: la campagna di ActionAid

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

“Io mangio giusto” è l'iniziativa lanciata dall'organizzazione internazionale indipendente ActionAid con l'obiettivo di migliorare la ristorazione scolastica entro il 2015 per 15mila bambini e almeno 40mila piccoli, insieme alle loro famiglie, possano capire l’importanza di una dieta sostenibile.

 

Il pasto a scuola è fondamentale per la corretta alimentazione dei bambini. Ogni mese nelle mense italiane vengono serviti 50 milioni di pasti. In media, dalla scuola d’infanzia ai 14 anni, ogni bambino consuma 2000 pasti a scuola, ai quali si aggiungono le merende fornite dagli stessi istituti scolastici. In Italia la metà dei bambini con meno di 14 anni mangia in una mensa scolastica. In media ogni studente consuma circa 2.000 pasti a mensa nel corso del ciclo scolastico obbligatorio, a cui vanno aggiunte le merende fornite sempre dagli istituti. A scuola si consumano 380 milioni di pasti ogni anno, oltre due milioni di pasti al giorno.

Il lavoro di sensibilizzazione al diritto al cibo e di educazione a una sana e corretta alimentazione parte proprio dai banchi di scuola. Cibi sani, a km 0 e di stagione, preferibilmente biologici, zero sprechi e riduzione dei rifiuti sono tutti gli ingredienti principali della ricetta di ActionAid per una mensa scolastica sostenibile.

Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid, spiega l'iniziativa e ribadisce i punti fondamendali sui cui basare una mensa giusta: "Per ActionAid migliorare la ristorazione scolastica è un’occasione da non perdere,  perché consente di stimolare le istituzioni a promuovere il diritto a un cibo sostenibile e di lavorare con famiglie, bambini e insegnanti; iniziare a parlare di sostenibilità partendo proprio dalle scuole significa costruire una generazione di consumatori consapevoli, che decideranno di alimentarsi in modo sano e allo stesso tempo saranno più attivi nel promuovere un sistema di produzione e distribuzione del cibo più giusto. La mensa che vogliamo è una mensa che utilizza prodotti sani, a basso impatto ambientale, preferibilmente biologici, senza OGM, stagionali e, dove possibile, prodotti localmente in modo da ridurre il numero di passaggi tra produttori e consumatori. In Italia assistiamo a segnali positivi: le mense scolastiche biologiche sono aumentate in 5 anni di circa il 50% ma rimangono forti disuguaglianze tra Nord e Sud Italia”.

La mensa 10 e lode deve essere una mensa trasparente i cui genitori e bambini sono i veri protagonisti. La maggior parte dei servizi di ristorazione scolastica sono infatti sotto la responsabilità dei Comuni che gestiscono direttamente il servizio o lo affidano a società esterne. Per questo, ActionAid invita i Comuni a vigilare sulle gare d’appalto, per affidare i servizi di ristorazione, affinché siano trasparenti, a stimolare la partecipazione dei cittadini, in particolare genitori e personale scolastico, alla definizione dei capitolati d’appalto.

Sul sito internet di ActionAid genitori e insegnanti possono partecipare all'iniziativa "Io mangio giusto" compilando un questionario o inviando commenti e suggerimenti.

Foto derivata da questa foto
Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento