Si parla di nuovo di morbillo, una malattia non più infantile

Si parla di nuovo di morbillo, una malattia non più infantile

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Il morbillo, malattia "tipica" dell'infanzia negli anni passati, torna a far parlare di sé e spaventare. L'allarme è lanciato ovviamente dagli esperti che non la definiscono più una malattia dei bambini perché ormai colpisce anche gli adulti. La prima a parlarne è Lucia Pastore Celentano, dell’European Center for disease prevention and control, nel suo intervento alla conferenza “The state of health of Vaccination in the Ue” a Roma.

Quest'anno sono stati registrati in Italia già 1.517 casi, risultando il Paese con la più alta incidenza in Europa, anche se i casi sono scesi rispetto ai 5mila del 2008. La vaccinazione contro il morbillo non è tra quelle obbligatorie. In Italia, il maggior numero dei casi si verifica tra i trentenni. Lucia Pastore avverte: "C’è un percezione errata della malattia, si pensa che non sia pericolosa e così molti genitori non vaccinano i figli sotto i 2 anni, nonostante alcune complicanze siano molto rischiose (come encefalite e polmonite) e si verifichino uno, due decessi ogni mille malati proprio per tali complicanze".

Foto derivata da questa foto
Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento