Dermatite atopica: migliora con la crescita

Dermatite atopica: migliora con la crescita

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Si tratta di un disturbo cronico, dovuto a un'alterazione della barriera cutanea, che si manifesta in genere entro il primo anno di vita del bambino a fasi alterne. La dermatite atopica si manifesta sin dai primi mesi di vita e inizialmente può essere confusa con la "Crosta lattea", un fenomeno transitorio causato dalla trasmissione per via placentare di ormoni materni che stimolano le ghiandole sebacee del neonato. La crosta lattea scompare entro il secondo-terzo mese. Se il disturbo persiste, nel 90% dei casi si tratta di dermatite atopica. Dal cuoio capelluto, l'eczema si diffonde alle spalle, al dorso delle mani e alla parte esterna del polpaccio. In seguito, tra i 6 e i 12 mesi, interessa guance e zigomi, pieghe di gomiti e ginocchia. I bimbi più a rischio sono quelli con uno o entrambi i genitori colpiti da allergie. Solo nel 10% dei casi la dermatite atopica è legata a un'allergia a uno o più alimenti. Le forme più severe di dermatite sono invece collegate ad allergie alimentari anche nel 60% dei casi. La dermatite atopica tende a regredire con la crescita: i sintomi migliorano già verso il quinto-sesto compleanno, per scomparire nel 90% dei casi con la pubertà.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento