Il riflesso di Moro

Il riflesso di Moro

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Prende il nome dal pediatra tedesco Ernst Moro che nel 1918 per primo l'ha studiato. Oggi i neonatologi se ne servono per controllare eventuali anomalie degli arti. Il test è facilissimo: si tiene il piccolo a faccia in su, con una mano davanti al corpo e l'altra che sorregge la testa. Quindi si abbassa di qualche centrimetro la mano sotto la testa: il bambino a quel punto ha la sensazione di cadere e per avvisarci spalanca le braccia, poi le richiude come per cercare un appiglio a cui aggrapparsi, flettendo la testa all'indietro. Vi capiterà di notare questa reazione anche a casa, se prendendolo in braccio o coricandolo nella culla, non gli sorreggete bene la testa. Non preoccupatevi: come avete visto si tratta di una reazione del tutto spontanea e normale. Anch'essa è un ricordo delle sue remote origini: solo che adesso quel gesto di sopravvivenza è diventato un segnale che ci avverte che il piccolo si sente instabile e in pericolo. In genere, il riflesso di Moro rimane fino alla sesta settimana, poi gradualmente perde d'intensità per sparire definitivamente verso il 3°-4° mese di vita.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 10/08/2016 08:23:35

    I hate my life but at least this makes it beaaeblr.

Lascia un commento