16-24 Mesi - Mamme 2.0
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Coniglio ricetta
Coniglio al forno: il piatto classico dei bambini
Facile da cucinare, il coniglio cotto al forno è una preparazione ideale per rendere appetitosa la carne di questo animale senza ricorrere a condimenti eccessivi. E’ un ottimo piatto per i bambini da uno a tre anni, che stanno passando gradualmente a una dieta completa di tutti gli alimenti.
Cotolette di ceci decorticati
Ammollate circa un etto e mezzo di ceci decorticati in acqua per una notte. Frullateli insieme a un ciuffo di prezzemolo, 1 cipolla e aggiustate di sale. Formate dei medaglioni con le mani e passateli nel pangrattato di pane o di riso a seconda se si vuol introdurre il glutine. Cuocete in padella antiaderente con…
Sughetto di verdure per squisti primi piatti
Oggi vi diamo una ricetta studiata con la nutrizionista per fare un sughino di verdure niente male! In una padella due cucchiai di olio extravergine di oliva per soffriggere mezza cipolla tritata, due piccole zucchine e una carota ridotte a pezzettini. Fate cuocere per una ventina di minuti e aggiustate con un pizzichino di sale.…
Frutta e gelato
Basta poco: gelato, frutta fresca, un po' di zucchero e... la merenda è servita! Ingredienti per 4 bambini: 1 pesca 4 prugne 4 albicocche 1/2 melone 50 gr di zucchero 350 gr di gelato alla crema 350 gr di gelato al pistacchio Spellate la pesca con un coltello. Lavate le prugne e albicocche. Sbucciate il…
Pomodi ripieni di riso, tonno e verdurine
Mettete a bollire una pentola d'acqua e aggiungetevi due etti di riso. Cuocete, scolate e fate raffreddare il riso. Nel frattempo tagliate a metà quattro pomodori, svuotateli della polpa e scolateli del loro liquido. Grigliate due zucchine e cuocete in padella con un cucchiaio di olio due etti di piselli. Mettete il riso freddo in una…
Polpettine di merluzzo al forno per divertirsi in cucina
Buone, salutari, ideali per il menù estivo e divertenti sono queste polpettine di merluzzo da fare insieme ai bambini. Armatevi di ingredienti e grembiulino e cominciate! Bollite due patate medie o una grossa in acqua salata e, una volta pronta, schiacciatela con lo schiacciapatate. Tritate finemente il merluzzo, circa 3 etti, stando attente che non ci…
Dolce di semolino e uva
L'uva è ricca di potassio, utile per l'equilibrio dei liquidi nell'organismo.Ingredienti:100 gr di semolino 500 gr di uva nera 60 gr di zucchero 3 uova 30 gr di burro 1 bustina di vanillina 50 ml di latte 10 gr di amido di mais In un pentolino scaldare il latte e il burro. Unire, mescolando, il…
Pizza ai cavolini
I cavolini di Bruxelles contengono zinco, un minerale essenziale per la crescita del bimbo.Ingredienti:100 di pasta lievitata 70 gr di cavolini di Bruxelles 30 gr di polpa di pomodoro 2 cucchiaio di formaggio tipo asiago grattugiato 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva Pulire i cavolini di Bruxelles e togliere le foglie più esterne. Far bollire…

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.