pitti bimbo 76 - Mamme 2.0
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Nel mondo della natura di Stella
Blu, arancione, giallo sono i colori per il prossimo inverno annotati nella collezione Stella McCartney Kids che anche per l'estate ha pensato a tanto colore. La stilista inglese figlia d'arte veste bambini trendy e glamour. Pensando alle bambine ha creato t-shirt e costumi con stampe dai colori vivaci che richiamano al mondo della terra e degli…
“Scopriamo” i bimbi comodi e felici di Giorgia Totaro
Per la sua semplicità, la sua determinatezza nella presentazione del progetto, la sua estetica personale che rispetta il bambino, ma anche per l'artigianalità del prodotto insieme a qualità e contemporaneità, Giorgia Totaro e la sua Bottega si sono aggiudicate la terza edizione di Who is on next? Bimbo, concorso dedicato alla ricerca di nuovi talenti…
Abiti double face abbinati a modelli in miniatura per le bambole
Vestiti reversibili con materiali semplici, come può essere la tela da modelli, abbinamenti quindi di tessuti poveri con tessuti ricercati costituiscono l'originalità della collezione Biancalatte autunno-inverno 2013-2014 di Chiara Neri. Classe 1970, quattro figli che l'hanno sicuramente ispirata a creare abiti per bambini. Ultimamente è stata tra le finaliste del concorso "Who is on next?"…
Tra classico e casual, tra velluti e materiali tecnici
Capi morbidi e confortevoli appesi a dei fili che calano dal soffitto insieme a dei libri è lo scenario appena entrati nello stand di Il Gufo all'ormai passato Pitti Bimbo. La nuova collezione autunno inverno 2013-14, che si alterna tra casual e classico, è frutto di attente ricerche nei tessuti. In questa ricerca veniamo a sapere…
Il jeans protagonista nella moda del prossimo inverno
Nell'ultima edizione di Pitti Immagine Bimbo abbiamo visto che il denim sarà protagonista della nuova collezione Autunno Inverno 2013  in particolare di Sarabanda che ha presentato virtualmente i nuovi modelli in una sfilata dentro il proprio stand. Il video è stato girato in azienda e realizzato in due parti. Nella prima sono stati presentati i leit…
La t-shirt contro le disuguaglianze
Inoltrandosi nella grotta di Silvian Heach (a Pitti Bimbo 76), tra mondi incantati del bosco e della natura, scopriamo la t -shirt One World Zero Differenze, 100% Love, a sostegno dell'uguaglianza. Il progetto ha avuto come testimonial Melissa Satta e il giocatore Kevin Prince Boateng, sulla passerella di Pitti Bimbo, ed è stato fortemente voluto dall'ad…
Nell’area green di Pitti Bimbo – seconda puntata
Ingresso Pitti Bimbo direzione EcoEthic: è qui che ci siamo per prima dirette e trattenute per intervistare e toccare con mano gli abiti, le calzature e altri articoli realizzati con materiali organici e biologici prodotti nel rispetto della natura, della salvaguardia del pianeta e nella tutela delle produzioni locali delle piccole comunità. Pure Cotton a Pitti…

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.