ricette - Mamme 2.0
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Alimentazione vegana nei bambini
"Alimentazione vegan nei bambini" è una guida completamente gratuita da scaricare per chi vuol saperne di più su questa tematica e stile di vita da far adottare anche ai più piccoli. Nel sito di Agire Ora Edizioni è possibile scaricare il pdf della guida oppure, per chi desidera avere la versione cartacea, è acquistabile al…
Il tablet per le mamme 2.0 appassionate di cucina
Se sei una mamma 2.0 a cui piace cucinare non puoi perderti Archos ChefPad un tablet che offre tante soluzioni utili per cucinare. Lo puoi appoggiare ovunque in cucina. È protetto da una custodia in silicone che tiene lontani acqua e schizzi di cibo in più ha un supporto regolabile per  visualizzare meglio le migliaia…
5 consigli su come riciclare i dolcetti della Befana
Sarà che l'Epifania tutte le feste porta via ma i dolcetti che la befana ha portato restano per un altro po'! Chi più e chi meno, i bambini hanno ricevuto la tanto attesa calza o calze del dopo Babbo Natale e in casa le mamme hanno provveduto già a riempire i cestini che non sanno…
Un libro di ricette per bambini diffidenti in cucina
Ai bambini piace la cucina e così si appassionano ai programmi televisivi di cucina come MasterChef versione Italia, tra i più popolari, dove i concorrenti fanno vedere la preparazione dei loro piatti, le varie dinamiche, giudicati poi dalla giuria. Uno di loro, non a caso il vincitore, Spyros Theodoridis ha pubblicato un libro di ricette…
Il seitan nella dieta naturale del bambino
Da inserire nella dieta del bambino al decimo mese di età è il seitan, ottenuto da glutine di frumento cotto che può sostituire in parte gli alimenti di origine animale in quanto è molto proteico. Nel menù del bambino viene introdotto dal momento che può mangiare cereali con il glutine. Il seitan può essere cotto…
Mozzarellina in carrozza
Mozzarellina in carrozza
Questa ricetta è da presentare al bambino solo quando il pediatra ha permesso l'introduzione dell'uovo nella sua dieta. Ingredienti per 1-2 porzioni: 1 uovo (usate due tuorli se ancora non è stato introdotto l'albume) 60 ml di latte 1 fetta ( 30 gr circa) di mozzarella 1 fetta di pane integrale tagliata a metà 1/2…
Mini hamburger
Panini con mini hamburger
Ecco una deliziosa e divertente ricetta per la merenda o un party su misura con preparazione sfiziosa e facile. Ingredienti: 8 piccoli panini 350 gr di petto di pollo 2 zucchine 1 carota 1 uovo 3 cucchiai di latte 2 rametti di basilico 2 rametti di timo 50 gr di panna 1 dl di olio…

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.