salute bambini - Mamme 2.0
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Salute bambini: anca a scatto
L’anca a scatto è un disturbo articolare che può colpire soggetti molto giovani, in particolare le bambine, e si caratterizza per la tipica sensazione, talvolta accompagnata dal suono, di uno scatto dell’anca, dovuto al movimento di un muscolo o di un tendine sulla struttura ossea.
Tonsillite purulenta
Con l’arrivo dei primi freddi arrivano anche i mali di stagione per i bambini, la prima a rimetterci è la gola. Là dentro ci stanno le tonsille che si infiammano anche in maniera acuta dando sfogo ad una tonsillite anche purulenta cioè con tonsille rosse ricoperte da placche biancastre.
Le bibite gassate fanno male al cervello
Da sempre si parla degli effetti collaterali dati dal consumo eccessivo di bibite gassate ricche di zuccheri, evidenziati da diverse ricerche. Oggi agli attacchi di cuore, obesità, diabete, si aggiungono anche effetti negativi sul cervello. Lo dice l'ultima ricerca condotta alla Macquarie University di Sydney (in Australia), presentata alla conferenza annuale della Society of Neuroscience,…

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.