Depressione post parto o baby blues

Depressione post parto o baby blues

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

La nascita di un bambino dona gioia ma in alcuni casi anche ansia che sfoga nella cosiddetta depressione post parto o baby blues. La durata di questo periodo, in cui la donna piange per un nonnulla ed è spesso triste, dipende a seconda della mamma, che può essere di primo ma anche di secondo o terzo parto.

A volte si tratta di una fase di adattamento, provocata anche dai cambi ormonali e dallo stimolo di maggior serotonina dopo il parto. Anche il sonno irregolare causato dai risvegli del neonato e il poco tempo che una donna ha per sé contribuiscono alla crisi depressiva.

I confini fra vari sintomi e fenomeni non sono netti. In generale il baby-blues si manifesta fra il 3° e il 6° giorno dopo il parto, come una specie di malinconia. Le mamme si sentono di umore variabile, piangono e si irritano facilmente. Tuttavia non perdono la capacità di prendersi cura nel neonato e dopo alcune settimane il disturbo tende a svanire spontaneamente.

Se dopo un mese o un mese e mezzo, questi stati d'animo si accentuano, possono trasformarsi in una vera e propria depressione, nutrendo a volte fastidio o ostilità nei confronti del neonato. In questi casi è importante interpellare una psicoterapeuta.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento