alimentazione bambini - Mamme 2.0
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Diffondere la cultura del cibo fin da piccoli. Una giornata nazionale sull’educazione alimentare
Una parlamentare del Pd, Susanna Cenni, ha avanzato una proposta di legge in cui proponeva di istituire il 16 ottobre, in concomitanza con la Giornata mondiale dell’alimentazione, una giornata per conoscere e approfondire i principi alla base dell’educazione alimentare e la prevenzione dei disturbi legati all’alimentazione. “Sono tanti i comportamenti sbagliati nel rapporto con il…
Porta merende per la scuola simpatici e originali
Uno dei momenti più belli della scuola è quello dell'intervallo! Dal fai-da-te alle novità commerciali, i lunch box o porta merenda sono gadget che piacciono ai bambini proprio per fare vedere ai compagni dove ripongono la loro merendina. [img1] I personaggi dei cartoon dominano anche qui. Quindi in commercio si trovano contenitori con Minnie, Violetta,…
Il documento ministeriale sulle banche del latte
Sabato 8 febbraio sono state pubblicate su "La Gazzetta Ufficiale" le prime “Linee di Indirizzo Nazionale per l’organizzazione e la gestione delle Banche del Latte umano donato”, un documento che costituisce un traguardo importante per la pediatria italiana. Insieme alla Francia, l’Italia sarà l’unico Paese europeo ad avere una regolamentazione ministeriale su questo aspetto importante…
I benefici della quinoa per mamme e bambini
Considerata uno dei cinque supercibi dell’anno, la quinoa è una specie di grano prodotto in Bolivia e Perù, che ormai si trova facilmente anche in Italia. Nota per essere gluten-free e ad alta densità di proteine, fibre e carboidrati, è quindi un alimento adatto a chi soffre di celiachia. Contiene, infine, una buona quota di…
Cos’e’ il divezzamento
Nella guida "Alimentazione vegan nei bambini" si parla di “divezzamento”, anziché di "svezzamento", ma è la stessa fase quella in cui il bambino passa da un’alimentazione a base esclusiva di latte materno (o latte artificiale) a quella che sarà l’alimentazione per il resto della vita. Nei primi mesi del divezzamento il latte materno mantiene…
Alimentazione vegana nei bambini
"Alimentazione vegan nei bambini" è una guida completamente gratuita da scaricare per chi vuol saperne di più su questa tematica e stile di vita da far adottare anche ai più piccoli. Nel sito di Agire Ora Edizioni è possibile scaricare il pdf della guida oppure, per chi desidera avere la versione cartacea, è acquistabile al…
Mele stregate
Vi ricordate le mele rosse caramellate appena uscite dal mondo delle fiabe? ecco come realizzarle: In un pentolino sciogliete mezzo chilo di zucchero isieme a 50 grammi di miele e 3/4 di un bicchiere di acqua. Aggiungete 3 chiodi di garofano, mezzo cucchiaino di cannella e una puntina di colorante rosso naturale per alimenti. Mescolare…

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.

Da una recente relazione presentata al XVI Congresso nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia) è risultato che i bambini nati con parto cesareo soffrono più spesso di allergie infantili.

Il dottore Vito Leonardo Miniello, che ha esposto la relazione, ha spiegato che nei nati da parto naturale con successivo allattamento al seno, durante i primi giorni di vita, si crea una flora intestinale ricca e variegata in grado di allenare il sistema immunitario a riconoscere gli antigeni utili, ad ostacolare i batteri nocivi per l’organismo e a non produrre sostanze infiammatorie capaci di innescare malattie allergiche e autoimmunitarie, come diabete di tipo 1, colite ulcerosa o malattia di Crohn.

Il latte materno è in grado di garantire la prevalenza di batteri intestinali benefici (lattobacilli e bifidobatteri) così come il parto naturale garantisce i batteri con proprietà immunomodulanti. Secondo la relazione, ciò non accade invece in presenza di taglio cesareo. Quindi la crescita delle allergie nel mondo occidentale è correlata all’alterazione del sistema microbiotico intestinale.