Sids o morte in culla: un nuovo contributo dal mondo della ricerca

Sids o morte in culla: un nuovo contributo dal mondo della ricerca

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Recentemente si sono registrati casi tragici di neonati morti improvvisamente. Un importante contributo nella ricerca delle cause della cosiddetta "morte in culla" o Sindrome della morte improvvisa infantile (Sids), viene da un nuovo studio dell'Università di Adelaide, in Australia, che ha individuato nei cervelli dei neonati deceduti per questa sindrome segni simili a quelli di bambini vittime di asfissia accidentale.

La sindrome colpisce i bambini nel primo anno di vita. Si manifesta provocando la morte improvvisa e inaspettata di un bambino apparentemente sano, e resta senza spiegazioni anche dopo aver effettuato tutti gli esami post mortem.

Nella ricerca australiana sono stati comparati i casi di 176 bambini morti da trauma cranico, infezioni, annegamento, asfissia e Sids ed è stata esaminata la presenza nel cervello di una proteina chiamata App (Amyloid Precursor Protein), che si accumula quando vi è lesione nelle fibre nervose. Tutte le 48 morti provocate inpsiegabilmente da Sids ne hanno mostrato la presenza, in maniera simile a quelle causate da soffocamento e asfissia, ma diverse da quelle causate da trauma o infezione.

"Questo di per sé non indica necessariamente la causa della morte, ma può aiutare a chiarire il meccanismo" ha concluso il responsabile della ricerca, il docente di patologia forense Roger Byard, nella rivista Neuropathology and Applied Neurobiology.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento