Il peso alla nascita

Il peso alla nascita

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Dati statistici affermano che oggi un neonato alla nascita pesa in media 330 grammi. Ma le variabili sono molte, a cominciare dal sesso. I maschietti, infatti, pesano in media 150-200 grammi in più delle femmine. I primogeniti, poi, sono in genere più "magrolini" dei fratelli (o sorelle) che li seguiranno. Il peso medio è quindi relativo. Ecco perchè viene considerato normale e sano sia il bambino che alla nascita fa segnare 2500 grammi sia quel neonato che centra in pieno il peso medio, sia quello che raggiunge i 4 chili. Tutti i bambini che alla nascita hanno un peso inferiore ai 2 chili e mezzo vengono messi nell'incubatrice. Il peso, da solo, non basta a contrassegnare una situazione di rischio. Ciò che conta è quanto tempo il piccolo ha trascorso nell'utero. Può capitare, per esempio, che un bambino nasca sottopeso perchè nelle ultime settimane la placenta non ha funzionato a pieno ritmo. Se però il piccolo ha rispettato il tempo della nascita, ha sicuramente raggiunto quella maturità che gli permette di affrontare il mondo esterno. Sarà certo un pò affaticato e fragile ed è per questo che viene ospitato nell'incubatrice, un nido tecnologico caldo e protetto, proprio come quello che ha appena lasciato, in cui potrà respirare consumando meno ossigeno e quindi risparmiando il massimo delle energie. Una precauzione questa che gli permetterà di recuperare ben presto forse e peso. Ben diverso il caso di neonati davvero pretermine che, nascono prima del tempo. Più hanno anticipato la loro nascita, meno tempo hanno avuto per svilupparsi e maggiori saranno le loro difficoltà ad adattarsi alla vita autonoma. Oggi, tuttavia, grazie ai progressi della medicina neonatale e alle cure intensive, anche bambini fortemente sottopeso hanno ottime possibilità di recupero. I bambini che superano i 4 chili di peso sono l'immagine della salute e non ci si aspetterebbe quindi di vederli tenere sotto controllo per un paio di giorni. Questo loro peso-record può essere dovuto a cause materne (per esempio, una predisposizione al diabete) che hanno influito sul loro metabolismo. E' importante accertare che il loro sovrappeso non sia la spia di qualche disturbo metabolico ma solo il risultato di una corporatura massiccia. Qualunque sia il peso che il bambino ha fatto registrare alla nascita, nei primi quattro-cinque giorni di vita andrà in contro a un calo che i pediatri definiscono fisiologico. E' l'effeto dell'adattamento alla nuova vita. Lasciato il suo mondo acquatico, il piccolo si ritrova in un mondo fatto d'aria. Ed è proprio questo passaggio, insieme all'esplunsione delle prime feci(il cosidetto meconio), che disidrata la sua pelle modificando l'equilibrio idrico del suo organismo. Si aggiunge anche il fatto che tutti i neonati nei primissimi giorni di vita mangiano meno, quasi fossero in attesa della montata lattea. Inevitabilmente, quindi, perdono peso. In genere diminuiscono del 6-10% del peso iniziale. Ecco allora che se il bambino pesa 3 chili e mezzo calerà da un minimo di 210 grammi a un massimo di 350. Pochi etti che di solito vengono recuperati in circa sette giorni. Da quel momento in poi, la sua crescita continuerà regolare.  

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento