Rosolia

Rosolia

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

E' forse la malattia infettiva più lieve fra tutte quelle infantili. Diventa particolarmente temibile, invece, se contratta nei primi mesi di gravidanza quando il virus può colpire il feto e provocargli gravi malformazioni. Compare con epidemie saltuarie più frequenti in primavera che colpiscono i bambini, specie tra i cinque e i quattordini anni. La rosolia si trasmette per via diretta, attraverso le goccioline di saliva, e il bambino può essere contagioso a partire da una settimana prima dell'inizio delle minifestazioni cutanee fino alla loro scomparsa. Il periodo di incubazione è di circa due settimane. Come si riconosce. Un lieve malessere generale preannuncia l'ingrossamento delle ghiandole linfatiche dietro la nuca e le orecchie che dolgono quando vengono toccate. Segue la comparsa di maccioline rosate, prima al volto e al collo, poi al tronco, infine l'esantema si attenua per interessare invece braccia e gambe. Può esserci febbre ma quasi mai elevata. Se siete certe o avete il minimo dubbio che possa trattarsi di rosolia, impedite che il bambino si avvicini a donne in gravidanza. Talvolta febbre ed eruzione cutanea sono talmente sfumate che la rosolia passa inosservata. In attesa del pediatra. Tenete il bambino in casa, per non esporlo a malattie da raffreddamento alle quali può essere momentaneamente ricettivo. Come si cura. Non esiste terapia contro il virus della rosolia. In genere non è necessario alcun trattamento per alleviare la febbre. Basta il riposo a letto e la malattia guarisce completamente nel giro di una settimana lasciando una protezione che dura per tutta la vita. La rosolia può essere prevenuta con la vaccinazione. La prima dose è consigliata a quindici mesi con un richiamo a dodici anni.  

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento