Compiti per le vacanze: giusto o sbagliato?

Compiti per le vacanze: giusto o sbagliato?

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Scuola terminata, bambini che potrebbero essere in pieno relax tra gioco e vacanze ma, per chi ha iniziato le scuole primarie, incombono i compiti estivi.

"Nooo!" è l'esclamazione più gettonata da parte dei bambini appena gli viene data la comunicazione che bisogna acquistare il libro delle vacanze. Sbuffano pure i genitori perché è loro compito spronare, invogliare i bambini a farli.

"Anno scorso - ci racconta Tiziana - ho dovuto somministrare a mio figlio Diego, che  aveva terminato la prima elementare, ben sette pagine al giorno tra italiano e matematica per arrivare a settembre con tutti i due libri compilati. Uno stress per entrambi non indifferente!"

Mantenere un allenamento anche d'estate con ciò che è stato acquisito durante l'anno scolastico può essere giusto e utile per proseguire con l'apprendimento ma senza esagerare. Quindi compiti sì ma in misura giusta e magari con qualche esercizio sotto forma di gioco, così che il bambino trovi divertente risolvere il compito.

 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 23/03/2017 20:54:24

    Awesome you should think of soemnhitg like that

Lascia un commento