In gravidanza, se la madre ha il fattore Rh negativo e il padre Rh positivo

In gravidanza, se la madre ha il fattore Rh negativo e il padre Rh positivo

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Tutti i tipi di sangue sono o Rh positivi o Rh negativi. In media, 85 persone su 100 hanno il fattore positivo, il che significa che il loro sangue contiene il fattore Rh. La presenza di questo elemento viene accertata nel primo stadio di gravidanza con un'analisi del sangue. È un'informazione importante solo nel caso in cui la madre abbia il fattore Rh negativo e il padre invece il fattore Rh positivo. Non sorgeranno problemi se il bambino eredita il fattore Rh negativo, ma se dovesse averlo positivo, potrà insorgere nel feto una grave forma di anemia.

Se avete l'Rh negativo e il bambino invece è positivo, capita talvolta che alcuni globuli rossi del sangue fetale passino nella vostra circolazione sanguigna. Il vostro sangue reagisce al fattore Rh presente nel sangue del bambino e incomincia a produrre anticorpi. Il pericolo si presenta quando alcuni di questi anticorpi s'infiltrano di ritorno nella circolazione sanguigna del feto, distruggendo un gran numero di globuli rossi.

Dopo la nascita del primo bambino, un po' del suo sangue passa inevitabilmente dalla placenta alla vostra circolazione e questo fa scattare nel sangue la produzione di anticorpi al fattore Rh. Continuerete quindi a produrre anticorpi contro il fattore Rh e alla successiva gravidanza, se il bambino sarà positivo, essi ne attaccheranno il sangue provocandogli un'anemia molto grave con conseguente ittero e danni celebrali.

Tutto questo si può prevenire. Basta fare un'iniezione alla madre con Rh negativo subito dopo la nascita del suo primo bambino. Si tratta di un siero che blocca il meccanismo biologico di difesa messo in atto contro l'Rh diverso.

L'iniezione va ripetuta dopo ogni gravidanza, anche nel caso di aborto spontaneo o provocato, perchè anche in questo caso è possibile che il feto avesse l'Rh positivo e che parti del suo sangue fosse già entrato nella circolazione sanguigna della madre.
 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento