Coliche

Coliche

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Le coliche gassose del lattante sono un fenomeno molto diffuso, che compare tra la seconda e la terza settimana di vita. Preoccupano i genitori ma non sono pericolose per la salute del piccolo. Di che cosa si tratta? Le cause vere non sono note: molti pediatri tendono a minimizzare il disturbo che sparirà spontaneamente entro i tre mesi, altri ad attribuirlo al temperamento ansioso delle madri che si riflette sul piccolo. Sicuramente concorrono più cause, alcune possono dipendere dalla maggiore reattività del bambino a stimoli normali, altre anche se raramente da vere e proprie malattie (per esempio un'intolleranza alle proteine del latte). Come si riconoscono. Un pianto inspiegabile e inconsolabile prende il piccolo tra una poppata e l'altra. Sarà lui stesso a farvi capire che si tratta proprio di coliche: solleva o irrigidisce le gambe, piegandole verso il pancino gonfio e teso e, talvolta, può emettere gas dall'intestino. In attesa del pediatra. Per alleviargli la tensione, può essere utile massaggiargli delicatamente l'addome. Provate anche a tenerlo a pancia in giù e a cullarlo: i movimenti ritmici lo consolano. Potete anche dargli da bere un infuso caldo di camomilla o di finocchio: queste erbe possono aiutarlo a rilassarsi. Come si curano. Non vi sono trattamenti specifici contro questo disturbo: se però le crisi fossero molto dolorose e frequenti il pediatra può consigliare dei farmaci calmanti.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 10/08/2016 08:43:23

    When you think about it, that's got to be the right anwser.

Lascia un commento