Quando il seno è sconsigliato

Quando il seno è sconsigliato

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

A parte il caso di una totale assenza di latte (agalattia) vi sono delle situazioni in cui l'allattamento al seno viene sconsigliato. Vere e proprie controindicazioni che possono riguardare sia la madre sia il bambino.  I NO PER LA MAMMA

  • Malattie croniche o debilitanti. E' il caso, per esempio, di disturbi cardiaci o renali gravi, di diabete scompensato.
  • Malattie infettive gravi. Tifo, tubercolosi, epatite B in atto, Aids, sono tutte infezioni che mettono a rischio la salute del bambino.
  • Malformazioni gravi al capezzolo.
  • Disturbi della vista. Una miopia di grado elevato con patologie alla retina può controindicare l'allattamento. L'ultima parola però spetta all'oculista dopo aver controllato il fondo dell'occhio.

I NO PER IL BAMBINO

  • Malformazioni al labbro o al palato. Solo se sono gravi impediscono una corretta suzione. Il latte materno potrà in tal caso essere spremuto e somministrato con apposite tettarelle.
  • Grave immaturità. Le controindicazioni sono rappresentate dal peso molto basso alla nascita che spesso costringe a somministrare il latte materno spremuto attraverso un sondino per l'incapacità del piccolo a succhiare. In questi casi il latte materno, per le sue proprietà antiinfettive, è ancor più prezioso per il piccolo.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 23/03/2017 16:49:31

    I really wish there were more arteclis like this on the web.

Lascia un commento