Quando serve il tampone faringeo

Quando serve il tampone faringeo

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Questo esame di laboratorio viene effettuato per individuare l'eventuale presenza di batteri, quali lo Streptococco beta-emolitico, responsabile di tonsilliti e faringiti o di altri microrganismi dannosi, come i funghi. Il pediatra, aiutandosi con una sorta di cucchiaio detto abbassalingua, "tocca" la gola del bambino con un bastoncino alla cui estremità si trova un batuffolo di ovatta sterile. In questo modo viene prelevato un campione delle sostanze presenti in gola, inviato poi in laboratorio. Quindi, il campione è posto in coltura: in pratica si stimola la riproduzione degli eventuali germi contenuti. Se la coltura individua batteri responsabili di malattie, si esegue anche un antibiogramma, un esame che identifica gli antibiotici più efficaci per debellare tali germi.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento