Il soggiorno

Il soggiorno

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Finché vostro figlio non è abbastanza grande, bisognerebbe tenere fuori dalla sua portata soprammobili e altri oggetti che potrebbero tirarsi addosso. Se avete tavolini o mobili con spigoli vivi (specie se di cristallo) applicate dei paraspigoli in gomma. Fate attenzione anche a queste cose:

Le piante di appartamento sono una forte tentazione per un piccolo esploratore. Sistematele in modo tale che non possa rovesciarsele addosso, e soprattutto eliminate quelle che possono essere tossiche qualora il bimbo dovesse ingerirne foglie o fiori. Le più pericolose sono: l'edera, la stella di Natale, il filodendro, l'ortensia, l'azalea.

Fiammiferi, accendini, sigarette o posaceneri con mozziconi non devono essere lasciati in giro: i bambini si portano tutto alla bocca e le capocchie di zolfo così come la nicotina sono altamente tossiche.

Le bottiglie delle bevande alcoliche devono essere conservate in un mobile che potete chiudere a chiave: pochi sorsi di brandy o di amaro hanno effetti fortemente tossici su un bambino.

Stereo e televisori sono giocattoli attraenti con i quali vorrebbe intrattenersi "come fanno i grandi": proteggeteli dalle sue manine e comunque assicuratevi che siano ben stabili.

Attezione alla tavola apparecchiata: i bambini, specie quando gattonano o camminano ancora incerti, possono aggrapparsi alla tovaglia magari solo perché stanno per cadere e cercano un appiglio. Il risultato può essere disastroso. Per sicurezza, apparecchiate solo all'ultimo minuto e mettete i piatti lontani dal bordo. Una soluzione alternativa è utilizzare le tovagliette all'americana o simili a quelle che usa il vostro bambino!

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento