Acqua a km zero nelle mense scolastiche

Acqua a km zero nelle mense scolastiche

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Secondo un gruppo di medici ricercatori svizzeri l’acqua del rubinetto è più sicura per la salute rispetto a quella in bottiglia perché più pura e sottoposta a controlli più rigorosi.

Da qui la campagna “Acqua del rubinetto a scuola” lanciata dal Comune di Pollenza (Macerata); un altro caso in cui si promuove l’uso dell’acqua del rubinetto, mossa vincente per la riduzione dei rifiuti e ottima lezione per educare i più giovani rispetto a un bene comune tanto prezioso che è l'acqua. Così nelle scuole pubbliche di questo comune non si troveranno più acqua in bottiglie di plastica poiché nelle quattro mense distribuite sul territorio si berrà acqua dell’acquedotto. Da una notizia dell'ultim'ora, anche nel Ravvenate i bambini a scuola bevono acqua del rubinetto.

L’iniziativa del Comune farà risparmiare circa 50mila bottiglie di plastica all’anno; inoltre più l'acqua del rubinetto viene bevuta e più le amministrazioni dovranno attenersi ad alti standard di controlli e di qualità.

Noi italiani, in Europa, siamo i più grandi consumatori d’acqua in bottiglia. Adesso stiamo facendo dietrofront e il caso di Polllenza insegna.

 

 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento