Bambini supereroi grazie alle protesi in 3D

Bambini supereroi grazie alle protesi in 3D

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Dalla solidarietà e la passione per le stampanti in 3D, ma anche per i personaggi dei fumetti, è nata una nuova generazione di protesi per bambini, un mix di  tecnologia e meraviglia tipica infantile.

A proporre le protesi, che trasformano i bambini in supereroi, è Albert Chi, esperto di chirurgia e traumatologia presso il Johns Hopkins Hospital di Baltimora e ricercatore. Il professore ha fatto partecipe della sua iniziativa il team di professionisti volontari E-nabling The Future, che riunisce creativi, ingegneri, terapisti e appassionati di design, intenti a sviluppare protesi economicamente accessibili per tutte le famiglie.

Da questa collaborazione nasce la produzione di una serie di arti ispirati ai supereroi più famosi come Iron Man o Wolverine, protesi illuminate e che si ispirano alla fantascienza. Il loro costo si aggira sui 50 dollari e il loro risultato è dovuto in massima parte al progresso della stampa tridimensionale.

Il primo, tra i piccoli pazienti a beneficiare di questi prototipi, è stato un bambino di tre anni del Maui di tre anni, nato con la Amniotic band syndrome (ABS) e quindi con l’assenza di tutte e cinque le dita della mano destra. Ora ha una protesi, a costo zero, che consiste in una mano bionica con la quale può afferrare alcuni oggetti.

 

 

Foto derivata da questa foto
Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento