Vene varicose

Vene varicose

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Durante la gravidanza le valvole che regolano il ritorno del sangue al cuore attraverso le vene possono allentarsi e non essere più in grado di pompare l'aumentato volume di sangue nelle gambe. Evitate le posizioni che possono favorire il ristagno di sangue nelle gambe: non sedute con le gambe incrociate o con le cosce che premono contro il bordo della sedia. Vi sono esercizi da eseguire con i piedi che aiutano la circolazione. Se portate le calze elastiche, scegliete dei collant che sostengano le gambe parzialmente o totalmente e infilateli prima di alzarvi al mattino. Piegate un ginocchio, accavallate sopra la gamba e infilate il collant; procedete poi allo stesso modo con l'altra gamba.

Vene varicose vaginali: anche nella vagina si possono formare delle vene varicose. Avvolgete del ghiaccio tritato in un fazzoletto pulito, legatelo e fatene un impacco sulle parti doloranti. Naturalmente non potrete andare in giro così, perciò, appena possibile, stendetevi per qualche attimo in modo da evitare che l'intero peso dell'utero poggi sulle vene gonfie. A volte può giovare la vitamina B6 (piridossina).

Emorroidi: si tratta di vene varicose del retto, sovente provocate dalla stitichezza. Se soffrite di emorroidi, evitate di sforzarvi quando andate al gabinetto. Dovete curarle al più presto perché quando fuoriescono dall'ano diventano estremamente dolorose. Il vostro medico potrà prescrivervi una crema calmante. Un certo sollievo è dato anche da un tampone di garza imbevuto di Hamamelis.        

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento