Bambini e alimentazione: insegniamo a loro come scegliere il cibo

Bambini e alimentazione: insegniamo a loro come scegliere il cibo

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

"Educare e informare. Far riscoprire il piacere di diventare soggetti attivi e non consumatori passivi fin dall’infanzia" è uno dei tanti messaggi importanti fuoriusciti dall'ultima edizione del Salone del gusto e Terra madre, svoltisi a Torino dal 23 al 27 ottobre.

"Lasciamo ai bambini di scegliere dove mangiare! L’importante è insegnargli a comparare. E quale miglior modo se non affondando le manine nella terra e gustando la biodiversità valorizzata dalla gastronomia locale e tradizionale?" è quanto sostiene il fondatore di Slow Food, Carlo Pretini, e insieme a lui Alice Waters, vicepresidente di Slow Food e fondatrice del progetto Edible Schoolyard, e Jamie Oliver, chef e attivista alimentare. 

Tutto quindi parte da un orto, niente di più semplice, ma altamente educativo. Anche i bambini quindi possono godere della gioia provata nello sperimentare la coltivazione di un orto a scuola, avendo la possibilità di diventare cittadini consapevoli. Slow Food sostiene che "insegnare e dare l’opportunità ai bambini di mangiare bene crea i cittadini del futuro, che terranno bene le nostre campagne, pagheranno i contadini, affolleranno meno gli ospedali".

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento