Bevande zuccherate: un problema per i bambini

Bevande zuccherate: un problema per i bambini

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Il consumo di bibite zuccherate risulta dannoso soprattutto per i bambini. Fra i ragazzini che le bevono, bevande di questo tipo sono la prima causa di un apporto calorico troppo alto. I ricercatori statunitensi hanno individuato due fasce d'età: fra i bambini di 1 e 5 anni e quelli fra 6 e 11 anni.

Recenti studi pubblicati sull’"American Journal of Preventive Medicine" hanno rilevato che i bambini abituati a bere tante bibite dolci sono anche quelli che mangiano più junk food (merendine, patatine fritte, caramelle e snack vari) e mediamente assumono un quantitativo elevato di calorie, esponendosi all'obesità infantile.

Tra le bevande zuccherate possono rientrare anche i succhi di frutta. Qui bisognerebbe fare una distinzione tra bevande al gusto di frutta, nettari e succhi di frutta. Le bevande al gusto di frutta, della frutta hanno solo il sapore, per legge basta il 12%, il resto è composto di acqua, zuccheri e additivi vari. I nettari contengono una percentuale di frutta che può variare dal 25 al 70%. Mentre i veri succhi di frutta, quelli senza zuccheri aggiunti, meglio se da agricoltura biologica, sono prodotti di qualità, ma non vanno comunque considerati sostituti della frutta fresca, in quanto i processi industriali di filtraggio e conservazione riducono le caratteristiche nutrizionali del frutto originale.

Inoltre, le bibite zuccherate, se consumate in dosi eccessive, eccitano i bambini, rendondoli super attivi e peggiorano la qualità del sonno. In più i contenuti delle bibite producono danni allo smalto dei denti. A proposito: sapete quale spazzolino scegliere per il vostro bimbo?

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento