Il rito del bagnetto

Il rito del bagnetto

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Se lo trasformate in un gioco, lui non piange e voi non vi "esaurite". Con un bambino bisogna usare attenzione e psicologia. In questo caso, ricordatevi che il bagno lo deve fare lui, non voi. E non dimenticate che anche per voi vi sono delle regole importanti: come l'orario, l'asciugamano (o in alternativa il telo-poncho da bagno e l'accappatoio), la temperatura dell'acqua e così via. Il fatto che il vostro bambino sia piccolo, non significa che non sappia scegliere e non abbia i suoi gusti. E dunque cercate di capire se il "gioco" del bagno gli piace di più al mattino, al pomeriggio o alla sera. Lo capirete dalle sue reazioni: vi sono bambini che si eccitano e si svegliano, altri che si rilassano e si addormentano. Tra i più grandicelli, alcuni amano giocare ed essere lasciati nella vasca (controllateli sempre a distanza), altri vogliono essere sostenuti e rassicurati. L'obiettivo è quello di creare confidenza e serena dimestichezza con l'appuntamento giornaliero.

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Lascia un commento