TV: il ruolo dei genitori

TV: il ruolo dei genitori

Condividi su facebook Tweet questo articolo Condividi su google plus

Quanta ne dovrebbero vedere i nostri bambini? L'Associazione americana pediatri non ha dubbi: non più di due ore al giorno. I bambini che superano questa soglia sono a rischio obesità e portati ad avere disturbi dell'attenzione.

  • Meglio guardarla insieme. Capite quali sono i gusti dei vostri bimbi, spiegate loro i passaggi che non capiscono, fate e stimolate domande sulla trama in modo da rendere la visione un momento attivo, non passivo.
  • Quelli che..... insegnano a fare. Prediligete quei programmi che insegnano a costruire con le proprie mani oggetti, giocattoli, piccole creazioni. Questo rafforza in concetto di televisione come mezzo da cui attingere informazioni utili e non come alternativa al fare.
  • Tra realtà e fiction. Non lasciate mai i bambini soli davanti al piccolo schermo, soprattutto quando c'è il rischio che interruzioni pubblicitarie o involontari cambi di canale possano metterli di fronte a immagini non adatte a loro. Specialmente i più piccoli è difficile che sappiano distinguere tra realtà e finzione.
  • Attenzione e distrazione. Non lasciate mai la televisione come sottofondo ad altre attività. I bambini fanno fatica a scindere i piani di attenzione. La sovrapposizione può creare stress, tensione emotiva e problemi di concentrazione. Uno studio dell'Università dell'Arizona su 1.454 bambini tra gli 8 mesi e gli 8 anni ha dimostrato che i piccoli che sono abituati ad avere la televisione accesa mentre svolgono altre attività hanno molti più problemi a concentrarsi su un gioco, o un compito, che invece dovrebbe essere l'unico loro punto d'attenzione.
  • Lo stop responsabile. Decidete con loro che la quantità giusta è quella di tre cartoni animati, per esempio, e insegnategli a spengere autonomamente la televisione alla fine del terzo. Non è semplice, perché proveranno sempre a tirarla più lunga del consentito, ma quando si saranno abituati, avranno guadagnato una grande soddisfazione di autocontrollo e responsabilità che gli farà sentire più grandi.
 

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Mamme 2.0 la guida per le mamme tra figli, lavoro e tecnologia non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Commenti

  • 23/03/2017 17:04:41

    Aptrpenaly this is what the esteemed Willis was talkin' 'bout.

Lascia un commento